menu principale
03 maggio 2022

Estintori a polvere: pressurizzati o con bombolina interna?

Estintori a polvere pressurizzati con l'azoto oppure dotati di bombolina interna a CO2?

Estintori
Parliamo oggi degli estintori a polvere, un agente estinguente composto da varie sostanze chimiche con additivi che ne migliorano la fluidità e l'idrorepellenza. Qual è la struttura di questi estintori?
Ne esistono di due tipologie:
- PRESSURIZZATO la carica è contenuta nel recipiente insieme ad un gruppo valvola e l'apparecchiatura per il lancio della polvere. L'estinguente è permanentemente pressurizzato con l'azoto all'interno del serbatoio stesso, a 12 / 15 bar, controllato da un manometro a monte del gruppo valvola. Vengono utilizzati soprattutto in strutture civili.
- CON BOMBOLA il contenitore della polvere è a pressione atmosferica, il gas di pressurizzazione (generalmente CO2) è contenuto in una bombolina all'interno del serbatoio e viene liberato solamente al momento dell'utilizzo. In questo modo la polvere è normalmente conservata a pressione ambientale quindi non rischia l'impaccamento, di contro non è possibile verificare lo stato di carica della bombola interna.

Gli estintori a polvere sono ottimi per lo spegnimento dei fuochi di classi B e C, assolutamente da evitare con quelli di classe D. Per quanto riguarda invece le apparecchiature sotto tensione, spengono le fiamme ma danneggiano in modo significativo i materiali, quindi sono sconsigliati.

Estintori a polvere portatili e carrellati

Le principali tipologie di estintore sono due: abbiamo quelli portatili e quelli carrellati. Qual è la differenza tra i due? Gli estintori portatili sono dispositivi che arrivano a pesare massimo 20 kg. Per questo motivo possono essere spostati ed utilizzati da una sola persona, senza l’intervento di altri. La carica è minore rispetto alla seconda tipologia e può essere usata per estinguere un principio di incendio e piccoli fuochi localizzati.
Gli estintori carrellati devono essere utilizzati da due persone perché sono più pesanti e contengono una carica di agente estinguente maggiore. La struttura con le ruote permette di trasportare agevolmente il dispositivo, che può essere utilizzato per contrastare incendi di media entità e per domare le fiamme aspettando i soccorsi.
Gli estintori a polvere di queste due tipologie devono essere collocati in punti strategici e ben visibili, facilmente accessibili e ben segnalati. La progettazione della quantità, delle tipologie e della posizione dei dispositivi antincendio a polvere dipende da vari fattori come la grandezza degli ambienti, la necessità di proteggere archivi e documentazione cartacea, la tipologia di fuoco da cui si generano le fiamme. Tenendo conto di tutti questi elementi è possibile creare un progetto completo per la sicurezza in caso di incendio.
Sul catalogo online di Proteggi Fire potete trovare tutte le tipologie di estintori a polvere disponibili sia per l’acquisto da sito, sia nei nostri punti vendita.

Come agiscono gli estintori a polvere?

Gli estintori a polvere polivalente agiscono per
1.    soffocamento: non permettono il contatto tra il materiale combustibile e il comburente, togliendo di fatto l'ossigeno contenuto nell'aria;
2.    raffreddamento: riducono la temperatura del materiale combustibile portandola al di sotto di quella di accensione;
3.    inibizione chimica: arrestano la reazione chimica che si verifica durante la combustione.

La manutenzione degli estintori a polvere

Valgono per questi apparecchi le norme generali che prevedono 6 distinte fasi:

- controllo iniziale
- sorveglianza a cadenza MENSILE
- controllo periodico ogni 6 MESI
- revisione ogni 36 MESI
- collaudo
- manutenzione straordinaria

Vi invitiamo a leggere un articolo che abbiamo appositamente dedicato alla manutenzione degli estintori, aggiungendo che, per quanto attiene più nello specifico questi dispositivi, la norma UNI 9994-1:2013 ha introdotto la novità della sostituzione delle valvole in fase di collaudo.
Il tecnico della manutenzione estintori
Manutenzione estintori: il tecnico professionista

Attenzione all'uso degli estintori a polvere

È importante tenere a mente che l’utilizzo degli estintori a polvere può comportare dei rischi. I due principali sono:
●    danneggiamento della strumentazione elettronica
●    irritazione delle vie respiratorie

Questo agente esigente viene utilizzato solitamente su fuochi di classe A, B e C ovvero provenienti da materiali solidi, liquidi e gassosi. Gli ambienti nei quali questi incendi possono innescarsi sono molto vari e alcuni di questi potrebbero avere al proprio interno della strumentazione elettronica come computer o server per la raccolta dati. Se da una parte gli estintori a polvere sono indicati per salvaguardare gli archivi cartacei, nel caso di apparecchi elettrici potrebbero invece danneggiare la strumentazione. Questo perché la polvere, essendo molto sottile, può infiltrarsi facilmente nelle componenti.
La seconda problematica riguarda l’irritabilità di questo agente estinguente. Una volta utilizzato un estintore a polvere, è necessario arieggiare bene gli ambienti e provvedere alla pulizia delle superfici sul quale potrebbe essersi depositata la sostanza. In questo modo è possibile evitare l’irritazione delle vie respiratorie e della pelle.
Un'ulteriore attenzione da porre quando si utilizzano dispositivi con questo tipo di agente estinguente è che la polvere abbassa la visibilità all’interno degli ambienti in cui viene rilasciata. È quindi importante seguire tutte le procedure per un loro utilizzo in totale sicurezza. In questo modo si potranno estinguere le fiamme senza creare situazioni di ulteriore pericolo.

Approfondimento sulle classi di fuoco degli estintori

Il Comitato Europeo di Normazione (CEN) ha sancito una classificazione delle varie classi di fuoco, che ha di conseguenza portato a distinguere gli estintori base al tipo di combustibile, oppure in base al peso dell’agente estinguente o, ancora, in base all’agente estinguente degli apparecchi stessi. Abbiamo pertanto incendi:

- di classe A: quelli di materiali solidi, usualmente di natura organica, che portano alla formazione di braci
- di classe B: quelli di materiali liquidi o solidi liquefacibili, quali petrolio, paraffina, vernici, oli, grassi, eccetera
- di classe C: quelli di gas
- di classe D: quelli di sostanze metalliche
- di ex classe E: vi rientravano i fuochi scaturiti dalle apparecchiature elettriche, ma attualmente questi non sono più inclusi nella norma UNI EN 2:2005, poiché sono riconducibili alle classi A e B
- di classe F: quelli di oli combustibili di natura animale o vegetale, come quelli utilizzati in cucina

Per quanto riguarda i primi, l'acqua, la schiuma e la polvere sono le sostanze estinguenti più comunemente utilizzate.
Per i secondi, gli estinguenti più comunemente utilizzati sono costituiti da schiuma, polvere e anidride carbonica.
Gli incendi di classe C sono molto pericolosi, dal momento che esiste il rischio di esplosione se vengono estinti prima di intercettare il gas. Per bloccarli è bene soprattutto bloccare il flusso di gas, chiudendo la valvola o otturando la falla che ne ha causato la fuoriuscita. Gli estintori da utilizzare sono quelli a polvere o Co2; l'acqua è consigliata solo a getto frazionato, al fine di raffreddare i tubi o le bombole coinvolte.
Per domare i fuochi di classe D - che sono molto difficili da spegnere, date le elevate temperature - sono necessari degli estintori a polveri speciali; gli altri estinguenti devono essere evitati, poiché c'è il rischio che causino reazioni come esplosioni o rilascio di gas tossici.
Per la ex classe E non devono essere utilizzati come estinguenti l'acqua o la schiuma: sono invece consigliabili gli estintori a polvere e a Co2.
Infine, per gli incendi di classe F, l’agente più consigliato è la schiuma, mentre l’utilizzo di CO2 o di polvere è considerato molto pericoloso.

Acquisto di estintori a polvere a Milano

Se siete alla ricerca di un azienda affidabile ed esperta che possa consigliarvi sulla scelta dell'estintore più adatto alla vostre esigenze, Proteggi Fire fa al caso vostro. L’acquisto degli estintori a polvere a Milano può essere effettuato nel nostro punto vendita di Buccinasco, nel quale il nostro staff potrà aiutarvi a identificare la tipologia e la quantità di dispositivi antincendio per la soppressione delle fiamme di cui necessitate. Ma non è tutto perché il nostro negozio si moltiplica ed è presente anche a Carpi, Cascina e Voghera. Venite a trovare per toccare con mano i diversi dispositivi, per vedere la grandezza effettiva e per testare la maneggiabilità, tutte caratteristiche molto importanti da tenere in considerazioni quando si parla di sicurezza e protezione sul luogo di lavoro.
Nel caso invece preferiste procedere con l’acquisto online degli estintori, vi ricordiamo che Proteggi offre un vastissimo catalogo di prodotti visionabili dal sito e comodamente acquistabili da casa. Vi basterà controllare le caratteristiche dei dispositivi di vostra preferenza, effettuare l’ordine ed il pagamento e nel giro di pochissimo tempo vi verrà recapitato ciò che avete acquistato, ovunque vogliate e con la garanzia di prodotti di prima qualità. Proteggi spedisce in tutta Italia!

Cosa state aspettando, venite a trovarci nei punti vendita o contattateci per informazioni sui prodotti e per il comodo acquisto online di estintori a polvere a Milano.
 
Articoli correlati
torna al blog
Autore
Articolo scritto da: PROTEGGI
CONDIVIDI
Articoli recenti
Prodotti - Porte tagliafuoco
I ricambi per porte tagliafuoco targati Proteggi Fire
PROTEGGI 16 giugno 2022
Manutenzione - Porte tagliafuoco
Manutenzione porte tagliafuoco: procedure e normative
PROTEGGI 18 maggio 2022
Estintori
Estintori a polvere: pressurizzati o con bombolina interna?
PROTEGGI 03 maggio 2022
Articoli popolari
Ricambi porte tagliafuoco
  • Prodotti
  • -
  • Porte tagliafuoco
I ricambi per porte tagliafuoco targati Proteggi Fire
PROTEGGI16 giugno 2022
Il tecnico della manutenzione estintori
  • Estintori
La manutenzione degli estintori: tutto ciò che c'è da sapere
PROTEGGI31 maggio 2022